Il cardinal Martini racconta un aneddoto